Average Juventino Guy

Agnelli: “Da noi sempre priorità alla salute pubblica. Grande rispetto per Zhang. Sul calcio europeo futuro…”

A margine dell’evento FT Business of Football Summit tenutosi a Londra, ha parlato il presidente Andrea Agnelli riguardo gli argomenti più caldi del momento: emergenza coronavirus ed i suoi effetti, il rapporto con Zhang, ma anche un occhio al futuro del calcio europeo. Di seguito gli estratti della sua intervista.

L’emergenza virus in Italia:

La salute pubblica è sempre stata la priorità e noi siamo stati d’accordo su questo fin da subito. Attendevamo solo che la comunità scientifica esprimesse il suo parere, poi il ruolo delle autorità era quello di uscire con la decisione più corretta ed è quello che è avvenuto. Per quanto riguarda lo sport, dobbiamo applicare al meglio ciò che le autorità ci hanno imposto, considerando il nostro grande impatto sociale”.

Gli effetti della crisi e la visione di Zhang:

“Le conseguenze peggiori di questa situazione saranno sul piano economico, ma in questo momento devono essere messe in secondo piano. Ho grande rispetto per Steven Zhang e anche lui la vede come me, infatti lo ha ribadito qualche settimana fa nel corso di una cena a casa mia. Abbiamo discusso sulla gravità della situazione e concordato sul fatto che non devono essere i club a decidere cosa fare, ma bensì dobbiamo attenerci a ciò che ci dicono. La speranza è che tutto possa tornare alla normalità, guardando al 2021 con ottimismo”.

Il calcio e la Champions del futuro:

“Stiamo analizzando le dinamiche per capire cosa vorranno i consumatori tra 10 o 15 anni, per offrire un prodotto sempre più vicino ai loro interessi.

Questa analisi riguarda anche la Champions League, per la quale stiamo lavorando cercando di trovare un modo per offrire ad un maggior numero di società la possibilità di diventare grandi, dato che le leghe minori hanno meno possibilità di lottare. Allo stesso tempo però, bisogna proteggere gli investimenti fatti e mi vengono in mente i casi di Atalanta e Roma: la prima con una grande prestazione sportiva, della quale ho molto rispetto, ha avuto accesso alla massima competizione europea per club, mentre la Roma ha avuto una brutta stagione ed è rimasta fuori, dopo che aveva mantenuto alto il livello del ranking italiano per anni, andando a perdere molto a livello economico. Con questo, non so se squadre come l’Atalanta avranno meno possibilità di giocare ad alti livelli, ma so che bisogna bilanciare il contributo al calcio europeo con la prestazione di un singolo anno.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu