Average Juventino Guy

Bonucci: “Possiamo ancora migliorare, ritrovati entusiasmo e voglia di soffrire”. Sarri: “Inizio a divertirmi. Sarà difficile contro una grande Lazio”

Domani alle 17:45 italiane, Juventus e Lazio scenderanno in campo per conquistare la Supercoppa Italiana.

Leonardo Bonucci e Maurizio Sarri si sono presentati in conferenza stampa per presentare la paritta, rispondendo alle domande dei giornalisti presenti in Arabia Saudita.
Ecco le loro parole.

BONUCCI

LEZIONE DALLA SCONFITTA

“La partita contro la Lazio ci ha insegnato che i dettagli e gli episodi fanno la differenza. Abbiamo avuto le occasioni per chiuderla e non l’abbiamo fatto, poi gli episodi ci hanno girato contro. Affrontiamo una squadra in un’ottima forma psicofisica, ma noi arriviamo da un trend di gare positive a livello di risultato e prestazione. Questo ci fa ben pensare”

IMMOBILE

“Ciro lo conosciamo, sta attraversando un momento positvo. Segna molto e lavora per la squadra, come in Nazionale. Servirà massima attenzione, ma la Lazio non si riduce solo ad Immobile, è un gruppo forte. Servirà una Juve perfetta”.

ENTUSIASMO

“È bello indossare la fascia ma mi cambia poco. Sono sempre stato a disposizione del gruppo e ne ho avuto bisogno per dare il meglio. Dopo la sconfitta ci siamo parlati e abbiamo ritrovato entusiasmo e voglia di soffrire. Nelle ultime partite lo abbiamo fatto e il gruppo sta bene a livello fisico e mentale”.

CRESCITA

“Abbiamo riguardato gli errori fatti, dovremo essere bravi nelle letture e nei movimenti di reparto per contrastare gli inserimenti. Non abbiamo ancora espresso il nostro massimo ma ci stiamo avvicinando”.

GOL SUBITI

“Sono sicuramente troppi per la nostra mentalità. Ci spinge a volerci migliorare, è un percorso di crescita e adattamento, ma ci sono molti margini, visto che molti gol sono arrivati a causa di errori individuali. Non credo che sia dovuto al cambio di sistema di gioco”.

SARRI

SITUAZIONE JUVE

“Non so se siamo piuù avanti o più indietro. Però ultimamente in allenamento e in partita mi sto divertendo, questo è fondamentale. Se sta succedendo è perchè la squadra sta cercando di giocare il calcio che gli ho proposto e perchè ho la sensazione che possiamo risolvere i problemi. L’obiettivo è sempre utopico, per migliorarci. Se ci poniamo la perfezione, saremo sempre scontenti e cercheremo di migliorarci”.

MANCANZA DI EQUILIBRIO IN ALCUNE FASI

“Stiamo giocando con grande continuità nonostante qualche difetto. Abbiamo perso solo una partita in 23 incontri. Veniamo da due partite con dei primi tempi a livello tattico assurdi, poi nel finale siamo calati e abbiamo cambiato qualcosa. Ma fa parte del modulo e del percorso di crescita, può darsi che nel finale siamo leggermente meno lucidi nel mantenere le distanze tra reparti e giocatori”.

DICHIARAZIONI ALLEGRI

“Spero che i presidenti non siano d’accordo, altrimenti calano lo stipendio a noi allenatori. Penso ci sia una via di mezzo. L’allenatore non deve stravolgere i giocatori, sono d’accordo, poi penso che l’allenatore debba incidere sul livello dell’organizzazione della squadra rispettando le caratteristiche dei giocatori. Comunque sono due modi diversi di vivere e vedere lo stesso lavoro”.

TRIDENTE

“Non lo so ancora. Ieri c’erano ancora giocatori stanchi da Genova, vediamo com’è la situazione nell’allenamento di oggi. Se la situazione sarà come quella di ieri dovremo cambiare molti giocatori, altrimenti ci saranno altre scelte. Al momento posso solo dirti che non lo so”.

PRIMO TROFEO

“Lo sento in maniera normale. L’anno scorso ho fatto tre finali, questa la sento come tutte le altre, non in modo diverso. È una partita importante a cui noi teniamo. Abbiamo bisogno di grandi motivazioni, che possiamo andare a prendere dentro la partita di campionato appena disputata contro la Lazio”.

OPINIONE POLITICA

“Non lo so, non mi interessa nè politca nè politica sportiva. Per il calcio credo molto nelle tradizioni, però sono aperto alle innovazioni. Quindi voglio vedere che clima si respira nello stadio domani, poi magari potrò risponderti”.

INFORTUNI

“Purtroppo Giorgio ha tempi lunghi e prestabiliti, fino a Febbraio non ci sarà. Szczesny è tornato a disposizione due giorni fa. Ramsey e Douglas sono già rientrati e devono fare un processo di recupero della condizioni fisica. Fuori abbiamo solo Chiellini e Khedira, che vengono da due interventi chirurgici al ginocchio”.

GOL SUBITI

“Nelle ultime partite abbiamo preso dei gol, di cui uno al 95′ sul risultato di 3-0, causati dai nostri errori. Stranamente abbiamo alzato la linea difensiva e prendiamo gol quando siamo bassi. Non capisco il motivo e dobbiamo lavorarci, abbiamo margine di miglioramento per fortuna”.

LAZIO

“Questa partita non incide sul campionato, questa è una partita secca. La Lazio in queste partite è molto pericolosa, è molto forte fisicamente e tecnicamente. È incredibile che l’anno scorso non sia finita in Champions, ha uno dei centrocampi più forti d’Italia e un attaccante che ha segnato 17 gol in 16 partite. Sarà una partita difficile contro una grandissima squadra. Poi che questa partita possa influire sul campionato, non credo”.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu