Average Juventino Guy

Giorgio Chiellini al veleno: “Pallone D’Oro? Una truffa, la verità è questa”

Giorgio Chiellini non lascia trasparire dubbi. Il capitano della Juventus, intervistato per Sky Sport, ha raccontato il proprio giudizio sugli aspetti decisionali del Pallone D’Oro. Le parole del difensore viaggiano dai trascorsi, fino all’edizione passata e l’attuale. Il riferimento principale si riferisce ad un dominio del Real Madrid, individuato come il fattore principale della classifica finale del premio. Tali appunti, non a caso, sono stati coniugati in differenti declinazioni: Cristiano sta passando un momento difficile, ma è felicissimo di essere alla Juventus, altrimenti non sarebbe venuto. Il premio a Lionel Messi ci sta, a lungo andare è il migliore anche se bisognerebbe comprendere il criterio di giudizio. L’anno scorso è stato un furto, il Real Madrid non voleva che Cristiano vincesse poiché non era più un loro giocatore. A rigor di logica avrebbero meritato Griezmann, Pogba o Mbappé, vincitori del Mondiale. Al di là di questo siamo orgogliosi di averlo in squadra.

Il Pallone D’Oro non ha oscurato altri temi, tra cui la parabola di de Ligt, altalenante nella prima esperienza bianconera: È un ragazzo intelligente con una grande voglia di apprendere, con lui parlo quotidianamente. Si è ritrovato all’improvviso in un nuovo mondo, un nuovo campionato, e sinceramente cambiare così a 20 anni è un passaggio veramente arduo. Dovrà migliorare alcuni aspetti, tra cui il fallo di mano. In questa nuova stagione le regole sono cambiate, per questo motivo dovrà applicare una nuova abilità difensiva.

In conclusione Chiellini è sicuro. La vera Juventus si vedrà nei momenti clou, ma al momento l’attenzione è massima, per conto di un concorrente agguerrita, i nerazzurri di Antonio Conte: Con Sarri siamo cambiati tantissimi. A differenza di Massimiliano Allegri la differenza è totale. Con l’ex mister eravamo abituati a vincere 1-0, anzi trovavamo l’aspetto difensivo estremamente motivante. Col nuovo allenatore abbiamo radicalmente cambiato alcuni fattori. Dobbiamo essere bravi a rimanere svegli nel momento che conta: la Champions League è un obiettivo. Siamo una squadra forte, abbiamo il diritto di provare a vincerla.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu