Average Juventino Guy

Dybala-Ronaldo: la coppia ora funziona

In principio doveva essere Ronaldo-Higuain-Costa, con Dybala riserva di lusso. I cronici infortuni del brasiliano però, hanno cambiato le carte in tavola: Sarri ha dovuto provare soluzioni alternative, che sono passate anche da un tridente pesante formato dai due argentini più il fenomeno portoghese. Tuttavia, i risultati sono stati sempre altalenanti, con l’attacco spesso lasciato libero di muoversi, senza schemi precisi. La Juve post-lockdown però, sembra aver trovato la quadra anche in avanti, schierando i due giocatori più talentuosi della rosa supportati dal lavoro oscuro di Bernardeschi. L’attacco titolare da qui in avanti sembra essere proprio questo: Ronaldo a sinistra, Dybala falso nueve e Bernardeschi a destra. Col Milan, si è sentita la mancanza dell’estro di Dybala, che era in una forma strepitosa, al contrario di Higuaín, apparso appesantito e quasi svogliato. Il nuovo schieramento permette un passaggio quasi “invisibile” al 4-4-2, con Ronaldo e Dybala vera e propria coppia d’attacco. Una sistemazione che ha giovato ad entrambi, dato che in questo modo possono mantenersi stabilmente nei pressi dell’area di rigore, ed evitare di percorrere troppi metri all’indietro, compito che spetta a Bernardeschi e alla mezzala sinistra.

Per quanto riguarda Cristiano, era e si conferma il capocannoniere della squadra e le prestazioni non eccelse in Coppa Italia erano dovute sicuramente ad una precaria condizione fisica, fase che ora ha già dimostrato di aver superato. Anche nella scorsa partita con i rossoneri, CR7 ha inserito il suo nome nel tabellino, nonostante l’assenza della Joya. Ciò dimostra quindi come tra i due è stato proprio Dybala a beneficiare di più del nuovo assetto tattico: ha trovato il gol in tutte le partite di campionato giocate finora, ma non solo: trascina, inventa e le reti segnate sono decisive, oltre che di pregevole fattura. Il ruolo sembra essere davvero quello di seconda punta, il suo preferito, con Cristiano che invece fa l’altra punta atipica partendo da sinistra, come piace a lui. Fa riflettere, tra l’altro, come Paulo fosse il giocatore sacrificabile la scorsa estate, per ragioni di bilancio, e come ad ora sia forse anche più decisivo di CR7. Le trattative per il rinnovo sono quasi alla conclusione e l’argentino si prepara a firmare fino al 2025 per continuare ad essere un perno di questa Juve ritrovata, anche dal punto di vista del gioco. Ovviamente, le prossime partite saranno più difficili e decisive per la corsa Scudetto, a maggior ragione dopo l’inaspettato blackout col Milan. I bianconeri dovranno confermare quanto di buono fatto vedere nelle partite precedenti a quella di San Siro e la nuova intesa tra il 10 e il 7 sarà sicuramente decisiva nel rush finale.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu