Average Juventino Guy

Higuain: tre opzioni per il futuro

Il futuro bianconero di Gonzalo Higuain è ancora molto incerto. Il calciatore non rientra nei piani a lungo termine della società, che molto probabilmente si muoverà per acquistare una nuova punta. Il vero problema del Pipita (a cui rimane un altro anno di contratto) è il suo ingaggio: 7.5 milioni a stagione, che la Juventus vorrebbe fare a meno di pagare.

La prima opzione è la cessione nella prossima finestra di calciomercato. L’attaccante potrebbe scegliere di andare a giocare negli Stati Uniti, dove gioca da anni il fratello Federico. Così facendo la Juventus guadagnerebbe qualcosa dalla sua cessione e soprattutto si libererebbe dell’ingaggio altissimo di 7.5 milioni. Con l’uscita di Higuain si dovrà sicuramente cercare una nuova punta di ruolo, dato che il Pipa è l’unico della rosa al momento dopo la partenza di Mandzukic e di Kean.

La seconda opzione è quella del rinnovo per un altro anno, ma con contratto spalmato in due anni. La Juve così andrebbe a risparmiare poco più di 3 milioni, potendo contare ancora sul numero 21 argentino per un paio di stagioni.

La terza opzione è invece rispettare il contratto e lasciar andare a zero il giocatore tra un anno.

Il Pipita nel 2016 fu acquistato dal Napoli per 90 milioni di euro, cifra più alta mai spesa dalla Juventus per un giocatore (cifra che verrà superata due anni dopo per l’acquisto di CR7). Dopo due ottime stagioni che però non hanno probabilmente rispettato le aspettative che aveva la società, è stato dato in prestito al Milan prima, e al Chelsea poi. Con i rossoneri sei mesi da cancellare; con i Blues sei mesi conclusi con la vittoria dell’Europa League. Dopodiché, con l’avvento di Sarri in panchina e la difficoltà nel cederlo, il Pipa è rimasto a Torino, mostrando attaccamento e voglia di rivalsa. Durante questa stagione però ha segnato solo 8 gol in 34 presenze, non dimostrando di essere il solito Higuain, nonostante l’impegno. Potrà essere ancora utile alla causa Juventus?

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu