Average Juventino Guy

Juventus-Inter: le pagelle dei bianconeri

Il Derby d’Italia più discusso, decisivo e surreale degli ultimi anni se lo aggiudica la Juventus, che riconquista la vetta della classifica dopo i rinvii degli scorsi giorni. Una partita solida e votata al possesso palla, come voleva Sarri, in più la squadra ha sfruttato bene le occasioni avute e ha saputo soffrire in alcune fasi, senza però concedere occasioni realmente pericolose all’Inter. Vediamo ora le pagelle dei ragazzi scesi in campo.

  • SZCZESNY 6.5: Quasi inoperoso il polacco, anche grazie alla grande prova dei due centrali, che non concedono conclusioni pulite verso la porta bianconera, Attento però, su un paio di conclusioni interiste.
  • ALEX SANDRO 6: Nel primo tempo lascia un po’ troppo spazio a Candreva, libero di tentare la conclusione o il cross pericoloso. Migliora sensibilmente nel secondo tempo, come tutta la squadra, facendosi vedere di più anche in avanti. Bravo a servire Matudi in occasione del primo gol. (dal 78′ DE SCIGLIO 5.5: non entra bene al posto del brasiliano, rischiando di regalare all’Inter la possibilità di riaprire la partita).
  • BONUCCI 7: Prova sontuosa del capitano bianconero, che torna sui suoi livelli dopo la brutta partita contro il Lione. Mette la museruola a Lukaku, risultando insormontabile per il belga. Grande intesa con de Ligt, non sbaglia nulla nel corso del match.
  • DE LIGT 7: Anche per lui prova molto positiva, ormai non sorprende più. Si è preso definitivamente la Juve e lo sta dimostrando in questo periodo, dopo le comprensibili difficoltà iniziali. Oggi risulta insormontabile anche lui, non lasciando alcuno spazio a Martinez, risultando più rude rispetto a Bonucci, ma producendo gli stessi risultati.
  • CUADRADO 6: Il colombiano, come Sandro, soffre nel primo tempo contro Young sulla sua fascia. Una volta prese le misure all’inglese, diventa lui la spina nel fianco e nei secondi 45′ beneficia della crescita della squadra.
  • MATUIDI 6.5: Finalmente una bella prova per il centrocampista francese. Risulta uno dei migliori nel corso del primo tempo, non abbassando mai i giri del motore. Nel secondo tempo è decisivo inserendosi con i tempi giusti in area e servendo un bel pallone in mezzo che porta al gol del vantaggio, nel momento migliore dell’Inter.
  • BENTANCUR 7: L’uruguaiano sembra sempre più a suo agio nel ruolo di metronomo in mezzo al campo. Detta bene i tempi di gioco, offre sempre una linea di passaggio ai suoi compagni e verticalizza spesso e volentieri con buoni risultati. Con buona pace di Pjanic…
  • RAMSEY 7: Segna il gol del vantaggio che spacca la partita e la indirizza nel verso giusto, andando a seguire bene l’azione e riempendo l’area di rigore. L’arretramento a mezz’ala sta finalmente dando i suoi frutti, ora serve più continuità nell’arco dei 90′ e poi Sarri potrà considerarlo a tutti gli effetti un titolare inamovibile del suo centrocampo.
  • D. COSTA 6: Ci si aspettava qualcosa in più dal brasiliano, che tornava dall’ennesimo lungo periodo di inattività. Nel primo tempo perde un paio di palloni che rischiano di favorire contropiedi pericolosi; nel secondo va meglio, ma continua a non incidere né in bene né in male, fino alla sostituzione. (dal 59′ DYBALA 7.5: devastante l’ingresso in campo del 10 argentino. Si vede subito che in palla e diventa un perciolo costante per la retroguardia nerazzura. Poi decide di chiudere la partita con un gol da antologia: stop a seguire con l’esterno, dribbling secco in area e colpo da biliardo a chiudere. Sul finale serve un cioccolatino a Ronaldo, col tiro del portoghese che esce di poco).
  • HIGUAIN 6.5: Non è incisivo davanti, anche perché non gli arrivano palloni giocabili in area di rigore. A differenza delle ultime partite però, risulta utile anche lontano dalla porta, sfruttando le sue abilità con i piedi e aprendo spazi per gli inserimenti delle mezze ali, ogi risultati decisivi. (dall’ 80′ BERNARDESCHI S.V.)
  • RONALDO 6.5: Non riesce a trovare la rete nella 12esima partita consecutiva e 1000esima da professionista, nonostante due belle giocate da parte sua. inoltre, riesce sempre a mettere in apprensione la difesa di Conte quando ha la palla tra i piedi, sprona sempre i compagni e mentalmente non esce mai dal match.
  • All. SARRI 7: Porta a casa anche il ritorno contro il collega Antonio Conte. Nonostante un contesto surreale, l’assenza di pubblico e di certezze sulla data in cui giocare, riesce a preparare bene la partita e la squadra non va mai in affanno. Nel corso della sfida, inserisce nel momento perfetto Dybala, che lo ripaga col gol che taglia definitivamente le gambe all’Inter.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu