Average Juventino Guy

Paulo Dybala: quando l’estro incontra il talento

Dopo la vittoria per 2-0 nel derby d’Italia e la notizia del Premier Giuseppe Conte sulla sospensione del campionato fino al 3 aprile, la Juventus di Maurizio Sarri avrà molto tempo per preparare nel migliore dei modi la sfida contro il Lione. Non trapelano notizie per quanto concerne la chiusura delle porte dello Stadium ma, nelle ultime ore, sta prendendo quota l’ipotesi di giocare la sfida in un campo neutro. Intanto, tra mille domande ed altrettante insicurezze, la Juve si aggrappa ad una delle poche certezze presenti nell’ambiente bianconero: Paulo Dybala. La Joya, infatti, da inizio stagione a questa parte, ha sempre dimostrato di essere all’altezza, disputando prestazioni impeccabili e viziando i tifosi juventini con giocate sopraffine.

Delle 13 reti messe a segno fino ad ora dall’argentino, almeno 6 sono senza logica.

Dall’Inter all’Inter…

Tutti abbiamo ancora in mente il fantastico gol realizzato domenica contro l’Inter: cambio di gioco perfetto di Bentancur, stop orientato di sinistro che manda Young a vuoto, uno-due con Ramsey, finta per disorientare i difensori avversari e, per concludere, un morbido mancino nell’angolino basso. Olio su tela.

Molti, però, non ricorderanno che Dybala ha realizzato il suo primo gol stagionale nel match di andata a San Siro e, anche in quel caso, la giocata è stata incredibile.

Il gol fotocopia contro il Milan

La somiglianza tra il gol di domenica contro i nerazzurri e quello realizzato il 10 novembre contro il Milan è ragguardevole. Lo scambio è uguale, stavolta con Higuain, altro dribbling secco, stesso angolo ma piede diverso.

Il gol al volo contro la Sampdoria

Nella sfida del Ferraris del 18 dicembre ha realizzato un’altra opera d’arte. Da sinistra Alex Sandro cambia gioco alla ricerca di Dybala. Chiunque da quella posizione avrebbe cercato di metterla giù, per crossare o al massimo per rientrare sul mancino. Ma lui no. Si coordina perfettamente e, di prima, spiazza Audero mettendola nell’angolo opposto. Pochi minuti dopo i blucerchiati riusciranno a pareggiare, fino a quando, allo scadere del primo tempo, Cristiano Ronaldo volerà alto 2.56 metri per siglare il gol del definitivo 2-1.

I gioielli in Europa

Il talento di Laguna Larga, però, non è stato da meno neppure in Europa. Il 22 ottobre, in occasione della sfida di andata contro la Lokomotiv Mosca, ha messo a segno una doppietta decisiva, rimontando la squadra russa nel giro di 2 minuti. Il primo gol è un vero e proprio capolavoro: l’azione sembra essere bloccata, la Juve conduce da qualche minuto un possesso palla sterile, ma ecco, all’improvviso, il colpo di genio del numero 10! Tocco di Cuadrado per Dybala, che sembra costretto all’ennesimo retropassaggio. L’argentino, però, lascia partire un piazzato dal limite dell’area. Gol fantastico.

Il terzo gol europeo di Paulo Dybala è arrivato il 26 novembre contro l’Atletico Madrid. Una punizione che dovrebbe essere oggetto di studio per tutti i ragazzi nelle scuole calcio, ma anche per i docenti di fisica nelle università. L’ex palermo calcia da una posizione molto angolata, nei pressi della bandierina del corner, ma riesce ugualmente a battere Oblak con una traiettoria inspiegabile.

Queste sono solamente alcune delle innumerevoli prodezze realizzate da Paulo Dybala con la maglia bianconera.

La stagione in corso può essere quella della consacrazione definitiva per l’attaccante argentino, che ha raramente deluso le aspettative dei tifosi bianconeri. È lui, senza dubbio, il giocatore più amato dalla tifoseria. Con quel numero sulla schiena e con la fascia da capitano i paragoni sorgono spontanei, ma la Joya ha le idee chiare…

Non mi piacciono i paragoni, ogn giocatore è se stesso. Ed io sono Paulo Dybala.

Al momento i supporters di Madama non potrebbero desiderare niente di meglio, anche se, in fin dei conti, un futuro alla Alex Del Piero non dispiacerebbe a nessuno… forse nemmeno a lui.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu