Average Juventino Guy

Sarri a DAZN: “Errori di superficialità, se la testa non è al 100%…”

Ai microfoni di DAZN, mister Sarri ha analizzato la partita evidenziando i principali errori commessi dalla squadra. Le partite come questa sono da portare a casa ma alla Juve mancano la solita fame, il solito strapotere sugli avversari. In ottica della prestazione e delle contromisure da prendere, queste sono le parole dell’allenatore:

Juve in trasferta:

“In questo momento abbiamo differenza di rendimento tra le partite in casa e le partite in trasferta, abbiamo differenza di prestazioni e di risultati. E’ un qualcosa di cui abbiamo già discusso durante questa settimana, di cercare di risolverlo stasera, non ce l’abbiamo fatta. Una partita difficile, sapevamo che fosse difficile, sapevamo nella fase iniziale che ci sarebbe stato da soffrire, lo abbiamo fatto anche discretamente bene, poi dopo due pali siamo andati in vantaggio e poi non si possono lasciare punti per leggerezze. Perchè è difficile commentare come abbiamo preso il primo gol, un pizzico di leggerezza di troppo. Se vogliamo che la Juventus continui a vincere non possiamo ammettere errori di superficialità, è chiaro.”

Approccio non ottimale:

“I meriti del Verona sono indubbi, ci hanno aggredito con cuore, con anima, con grande dedizione per tutta la partita, ci hanno messo in difficoltà nelle uscite da dietro, quindi i meriti del Verona sono evidenti. Ma noi lo sapevamo, sapevamo che soprattutto nella fase iniziale della partita questo sarebbe avvenuto e sarebbe avvenuto in maniera importante. Era importante passare il periodo, poi la partita ci avrebbe concesso delle opportunità; ce la ha concesse, siamo andati in vantaggio e poi siamo andati a rimettere in ballo tutta la partita per un pizzico di superficialità. Questo è un qualcosa che ci dobbiamo togliere di dosso a tutti i costi.”

Come bisogna intervenire:

“La testa è uno degli aspetti più importanti, con la testa si comanda la tattica, perchè se la testa è staccata, la tattica non viene di alto livello e si comanda la pretsazione fisica perchè con una testa non al 100% il fisico non può reagire al 100%. È tutto collegato. Noi dobbiamo capire che vincere non è scontato, vincere è difficile, nel corso degli anni per la Juventus sta diventando sempre più difficile, non è scontato e quindi bisogna farsi entrare nella testa che per vincere bisogna lottare di più, sporcarsi di più e non avere cali di attenzione.”

Avversari sottovaluti:

“Penso che nella prima mezz’ora del Verona ci siano grandi meriti del Verona, negli ultimi venti minuti ci siano grandi demeriti nostri. Il Verona aveva speso molto, non aveva più la forza e la pressione dei primi minuti, però se ci metti errori di questi tipo la paghi lo stesso.”

Compito arduo (ritrovare stimoli):

“Penso di sì, è una squadra abituata a vincere largo negli ultimi anni e probabilmente in questo momento non ci rendiamo neanche conto che non possiamo sprecare punti.”

Aiuteranno i giocatori di personalità:

“Io spero che saranno importanti, è un qualcosa di cui stiamo discutendo da un po’ di tempo. Poi è un aspetto anche difficile da spiegare perchè questa è una squadra che si allena anche nella maniera giusta, però poi in partita non riesce a tirare fuori tutto il potenziale di punti che avrebbe per questi episodi. Speriamo che qualcuno mi aiuti perchè è un qualcosa che dobbiamo risolvere assolutamente.”

Sostituzione Higuain:

“Perchè la sensazione dalla panchina era che si stessere creando continuamente degli uno contro uno, tre contro tre dietro. Se l’attaccante centrale veniva indietro, ci tratteneva di più la palla qualche secondo, molto probabilmente per gli altri due ci sarebbero stati spazi enormi.”

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu