Average Juventino Guy

Sarri a Sky: “Circolazione blanda, ci alleniamo al doppio dell’intensità”

Dopo la pessima uscita di Lione, mister Sarri ha spiegato a Sky le ragioni della caduta di stile. Gli errori evidenziati dovranno essere gli aspetti al centro dei prossimi allenamenti. Ecco dunque le sue parole:

Approccio sbagliato:

“Ogni tanto lo facciamo, è difficile da capire il perché. Abbiamo fatto un primo tempo con una circolazione di palla blanda e quando giri la palla così lentamente e non fai movimento senza palla, vieni aggredito, perdi palla e subisci anche. Quello che ci è mancato in fase offensiva, e cioè la velocità, la cattiveria di muovere palla velocemente. Per un quarto d’ora ci è mancato anche in fase difensiva: poco aggressivi e sfortunati in qualche episodio poiché abbiamo preso gol con De Ligt fuori che si stava facendo medicare. Abbiamo fatto un secondo tempo decisamente migliore ma per una partita di Champions è un po’ poco per venirne a capo. Faccio grande difficoltà per far passare il concetto di palla mossa veloce per queste squadre. Troppo spesso, anche quando giochiamo a due tocchi, riusciamo a essere lenti, tra primo e secondo tocco ci sono due secondi di tempo. La fase difensiva degli avversari così è troppo avvantaggiata. Dobbiamo lavorare su questo, è un concetto che prima o poi dovrà passare nella maniera giusta e siamo fortunati ad avere ancora 90 minuti per rimetterla a posto.”

Per quale motivo si sbracciava nel primo tempo?

“La cosa principale era la palla mossa lenta e poi portare 5/6 giocatori sopra la linea della palla. Eravamo fermi e messi male ed erano diversi a farlo, ciò succede se la palla non viene mossa velocemente.”

Ti eri accorto dei segnali negativi?

“No, nel riscaldamento non ero fuori ma lo staff mi ha detto che era stato svolto normalmente. Ieri abbiamo fatto un allentamento in cui la palla si è mossa il doppio più veloce di oggi. La cosa strana è che dovrebbe essere il contrario, la partita ad esaltarci e farci muovere la palla più velocemente. Quando la palla acquista velocità, subisci l’aggressività degli avversari e diventa tutto più difficile perché è facile perdere le posizioni o perdere la palla.”

Giocatori ancora lenti?

“Non mi sembra che loro, in certe zone di campo, ci abbiano messo una particolare pressione. Secondo me eravamo proprio noi a iniziare l’azione a basso ritmo e senza nessuna variazione. È difficile giocare a calcio con questo presupposto, lo strano è che in allenamento andiamo al doppio.”

Nel secondo tempo ci sono stati più inserimenti:

“Il secondo tempo è stato migliore perché la palla è stata mossa più velocemente, c’è stato più movimento senza palla e molte più riconquiste nella metà campo avversaria. Questo ci ha portato a fare meglio e chiuderli in area nella parte finale.”

Le gestione del possesso dopo il calcio d’inizio:

“Ha solo calciato male la palla, è un errore materiale e può succedere, è in altre situazioni che dobbiamo muovere la palla in un altro modo. Non mi è piaciuto anche tutto il mandare l’attacco della profondità da 60 metri perché la palla resta in aria per 5 secondi e tutti sono in grado di rimediare, bisogna portarla velocemente a 30 metri dalla porta e poi va bene anche attaccare la profondità.”

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu