Average Juventino Guy

Sarri in conferenza: “Credo non abbiate intuito le gerarchie, su Rabiot…”

Alla vigilia dell’andata degli ottavi di Champions, Maurizio Sarri si è presentato per la conferenza di rito. Dopo una prima domanda incentrata sul Corona virus, le attenzioni si sono concentrate sulla partita fi domani. Ecco dunque un sunto delle sue parole:

Peso della Champions:

“Lo sento molto più in Italia, dove abbiamo l’obbligo di essere favorito e di centrare gli obiettivi. In Europa fate tutti finta di nulla, ma ci sono squadre più potenti di noi e una rosa almeno forte come la nostra. Siamo una decina di squadre con lo stesso sogno, ma dal punto di vista delle responsabilità è molto più pesante giocare in Italia. La Champions resta un sogno, in Italia oggi è ancor più difficile. Vent’anni fa eravamo il paese più forte, ora siamo stati capaci di farci superare da molti movimenti. Essendo un sogno, siamo fortunati a poterlo inseguire: se lo raggiungiamo è un’estasi.”

Rabiot:

“Entrare nel calcio italiano non è semplice. Rabiot è in grande crescita. Ci lascia costantemente la sensazione di avere sempre qualcosa in più da tirare fuori. Il suo percorso di miglioramento è ben avviato, siamo molto fiduciosi.”

Destino dipendente dalla Champions?

“Non lo so, so che il Presidente ieri ha detto che il progetto è triennale. Ho però grande fiducia nel mio Presidente, solitamente parla in modo schietto.”

Indicazioni dell’allenamento di ieri:

“Il miglior allenamento secondo me l’abbiamo fatto in Arabia prima della Supercoppa, quindi non mi fido più. La qualità degli allenamenti va valutata a lungo termine, quindi dobbiamo fare tre mesi di queste sedute.”

Gara simile a quella di Madrid?

“A questi livelli senza prestazione è difficile fare risultato, giochiamo contro una squadra pericolosa che ha solo avuto discontinuità. Hanno qualità, calciatori con tecnica e velocità, è una partita difficile ma è inevitabile fosse così a questo punto della competizione. È fondamentale fare un’ottima prestazione, altrimenti il risultato non può arrivare.”

Centrocampo:

“Credo che non abbiate molto intuito le nostre gerarchie…Abbiamo un centrocampo molto variegato a livello di caratteristiche. La partita di domani è difficile da interpretare. Servirà dinamismo in uno dei 3 nostri centrocampisti”.

Ronaldo:

“Non solo in Francia, è apprezzato ovunque. Nelle ultime 11 gare ha fatto 15/16 gol, è trainante e sta bene sotto ogni punto di vista. Quando ha gamba ed entusiasmo è trascinante anche in allenamento per i compagni.”

Douglas e Khedira:

“Non abbiamo ancora deciso se saranno nei diciotto domani. E’ importante che siano in gruppo e quindi clinicamente guariti.”

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu