Average Juventino Guy

Sarri: “Onoreremo la competizione, serve risposta importante. Se non vincono li ammazzo. Rabiot unico, mentre il tridente…”

Durante la conferenza stampa di Miralem Pjanic per presentare la partita di domani contro il Bayer Leverkusen, Maruizio Sarri ha interrotto il bosniaco, infastidito da alcune illazioni dei giornalisti sulla professionalità dei giocatori e il rispetto dei ruoli. Ecco le sue parole:

SEGUIRE DI PIU’ L’ALLENATORE

“Lei ha attaccato la professionalità dei ragazzi, che è una professionalità di livello altissimo. La collaborazione è piena, a volte vogliamo fare delle cose, spesso ultimamente non ci riusciamo. Però si limita a questo, non all’atteggiamento dei ragazzi, che è esemplare”.

Poi la conferenza del giocatore è proseguita senza intoppi e il tecnico bianconero ha risposto alle domande dei giornalisti quando sono state esaurite quelle a Pjanic.

BERNARDESCHI MEZZALA DESTRA

“Può essere una soluzione, ma toglierlo dalla trequarti senza Douglas e Ramsey non ci lascia molte soluzioni. Abbiamo provato alcuni giocatori in ruoli diversi, vediamo domani come posizionarci in campo.
Abbiamo due centrcampisti di ruolo che sono mancini, anche se Rabiot ha dimostrato di poter giocare anche sulla destra. L’unica incognita è se Adrien può giocare 90 minuti, dopo un periodo di inattività”.

RICERCA DEL BEL GIOCO

“Siamo sereni, sappiamo di dover lavorare e fare meglio. Prima ho frainteso una parte della domanda sulla professionalità dei ragazzi.
Per far scattare una scintilla nel trovare gusto in certi momenti della partita nel fraseggio e possesso palla, ci dobbiamo mettere del nostro, sapendo che va fatto a grandissima velocità. Dobbiamo trovare il gusto di non voler arretrare dopo aver segnato, ma rimanere padroni della partita. Sono tutte cose che richiedono un cambio di modo di pensare che non sono automatiche e richiedono un periodo non breve. In alcuni momenti queste cose si vedono, come il primo tempo di Roma in cui mi rivedevo molto nella squadra”.

BARCELLONA E JUVE MEGLIO DEL CITY SECONDO GUARDIOLA

“L’anno scorso mi sembravano nettamente la miglior squadra d’Europa, poi in Champions può essere eliminato per una partita sbagliata. Tuttavia il calcio che ho visto fare ai Citizens l’anno scorso l’ho visto fare poche volte in giro per l’Europa negli ultimi anni. Devono essere peggiorati parecchio (ride ndr.)”.

STIMOLI PER DOMANI

“Per domani chiedo quello che si chiede in queste partite. Quando sono stato contattato dai dirigenti Juventus per la prima volta avevo chiesto il motivo per cui la squadra avesse fatto solamente tre punti nelle ultime cinque partite. Non volevo sentire che la risposta fosse il campionato già vinto, poichè sarebbe un brutto segnale a livello di motivazioni e mentalità. Quindi chiedo lo stesso.
Abbiamo la fortuna e il privilegio di giocare in Champions, questa manifestazione va onorata sempre e comunque. Voglio una prestazione importante e seria sul nostro livello di mentalità, nonostante non ci sia apparentemente un obiettivo materiale. Dico apparentemente poichè gli obiettivi sono sempre dietro l’angolo e ogni partita conta. Poi il risultato può venire o meno, ma non deve inficiare la nostra prestazione”.

RABIOT CENTRALE

“Quindi domani sta fuori Miralem? Oppure fa la mezzala ma non so se hai il passo (ride ndr.).
Adrien viene da un infortunio e viene da un altro campionato, come tutti ha bisogno di tempo. Non è stato bocciato, anzi ci facciamo molto affidamento perchè ha potenzialità uniche. Deve solo ritrovare condizione fisica e adeguarsi al nuovo campionato.
Domani farà uno spezzone di partita consono alla sua condizone attuale”.

RICORDO IN EUROPA

“Tra tutte le partite in Europa quale preferisco? Ho letto da qualche parte che il record di risultati positivi è 22 quindi se domani i ragazzi non vincono li ammazzo (Sarri è a 21).
Chiaramente quella che preferisco da queste è chiaro sia la finale perchè mi ha portato a vincere un trofeo europeo. Poi spero che la striscia sia talmente lunga da avere una partita più importante da ricordare”.

FORMAZIONE

“Il tridente è un esperimento parziale perchè l’abbiamo già visto. So che per tutta la partita non ce lo possiamo permettere, ma per alcuni momenti si. Vedremo chi gioca e chi ha bisogno di riposare, in modo da arrivare a Sabato al meglio e anche cosa dirà la partita, magari ci sarà bisogno di farli giocare tutti e tre.
Matuidi è diffidato ma un giocatore di questo livello deve saper gestire e aver la capacità di giocare. Bisogna tenerne conto ma senza farci condizonare più di tanto”.

Post recenti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Chiudi il menu